AMT Genova: entra in servizio il primo nuovo treno della metropolitana

È entrato ieri in servizio il primo dei sette nuovi treni della metropolitana, acquistati dal Comune di Genova. I nuovi mezzi, costruiti da Hitachi Rail Italy (ex AnsaldoBreda) ed equipaggiati con i sistemi di bordo di Ansaldo STS, sono lunghi 39 metri e trasportano fino a 290 persone.

Il costo sostenuto dall’Amministrazione comunale per l’acquisto dei sette treni è stato di 34.870.000 Euro, di cui 28.972.156 finanziati direttamente dal Comune e 5.897.844 con contributo ministeriale L.211/92.

Il progressivo inserimento in linea dei nuovi veicoli, che sarà completato entro fine anno, consente un maggiore confort per i passeggeri. Nel frattempo, giungeranno a termine i lavori del deposito di Di Negro per il ricovero e la manutenzione dei nuovi treni. La conclusione di questo intervento è prevista entro il prossimo autunno.

——–

Caratteristiche tecniche del treni:

Lunghezza: 39,1 metri

Larghezza: 2,2 metri

Altezza: 3,54 metri

——–

Massa a vuoto: 66,5 tonnellate

Massa a pieno carico: 86,9 tonnellate

——–

Numero porte: 8 (4 per lato)

Capacità massima passeggeri: 48 seduti + 242 in piedi = 290 posti

——–

Velocità massima: 80 km/h

Accelerazione massima in piano e rettilineo: 1.0 m/s2

Decelerazione massima di emergenza (elettrodinamico + idraulico) in piano e rettilineo: 1.3 m/s2

Massima pendenza superabile in partenza: 6 %

Massima pendenza superabile in partenza, con un azionamento guast: 6 %

Aderenza media impiegabile in tutte le condizioni: ≤ 20 %

Tensione di linea per massime prestazioni: ≥ 750Vdc

——–

Riepilogo delle caratteristiche principali
  • Veicolo a quattro casse, con quattro porte per fiancata
  • Dotato di cinque carrelli di cui tre motorizzati e due portanti montati sotto le casse di estremità
  • Ogni carrello motorizzato è dotato di due motori; ogni coppia di motori è alimentata da un inverter.
  • Alimentazione a 750 Vdc per mezzo di due pantografi ad azionamento pneumatico. Un solo pantografo per volta sarà connesso alla linea
  • Ogni cassa di estremità è dotata di postazione disabile su carrozzina, le cui porte integrano nella soglia una rampa manuale per l’incarrozzamento e il superamento delle barriere architettoniche
  • Il veicolo è dotato di accoppiatore automatico su ogni testata
  • Il servizio passeggeri può essere svolto in configurazione singola e/o multipla
  • Sono presenti due cabine di guida poste sulle due casse di estremità per la marcia bidirezionale.
  • Ciascuna cabina di guida è dotata di un’unita di condizionamento
  • Sistema ATC ridondato per la marcia automatica presenziata e supervisione della marcia del treno nel caso di guida manuale
  • Sistema di Telecomunicazioni di bordo, per la comunicazione tra PCO e conducente, tra PCO e passeggeri a bordo, tra passeggeri e macchinista.
  • Registrazione eventi ai fini legali (scatola nera), dispositivo di controllo della presenza attiva del conducente (dispositivo uomo morto)

In copertina: un nuovo convoglio della metropolitana – Foto: AMT Genova

Condividi

MaicolGarba

Sono appassionato di trasporti da sempre. Fondo Trasportinfo nel 2016 per parlare di trasporti e approfondire, informare su un argomento che ci riguarda ogni giorno.

maicoladmin has 1104 posts and counting.See all posts by maicoladmin