Sardegna: dal 1° Settembre parte il nuovo sistema tariffario regionale

Semplificazione, armonizzazione e accessibilità sono le tre parole chiave del nuovo sistema tariffario regionale per il trasporto pubblico, approvato ieri dalla Giunta e presentato oggi alla stampa dall’assessore Massimo Deiana. Entrerà in vigore il 1° Settembre con una significativa razionalizzazione delle tipologie di biglietti e la proposta di nuove soluzioni adeguate alle esigenze dell’utenza sarda.

La filosofia dell’intervento. “E’ un passaggio fondamentale, frutto di oltre un anno di studi, tiene conto delle più collaudate pratiche a livello nazionale e migliorerà sensibilmente le condizioni di viaggio degli utenti isolani”, ha detto Deiana ai giornalisti. La filosofia complessiva della riforma attribuisce al sistema tariffario un ruolo decisivo, per la costruzione di un trasporto pubblico unitario, attraverso il coordinamento e l’integrazione delle reti, delle modalità, dei servizi e delle informazioni. “Il modello messo in campo, che fa seguito alle sperimentazioni attive da oltre un anno, pone a sua volta le basi per il prossimo varo nel 2017 del biglietto unico regionale, obiettivo dichiarato di legislatura”, ha continuato Deiana. “Sarà quindi necessariaha spiegato sempre l’esponente della Giunta Pigliarul’armonizzazione di tutte le strutture tariffarie delle diverse modalità di trasporto, nei diversi ambiti comunali e intercomunali e tra tutti gli operatori della mobilità su gomma e su ferro, attraverso regole omogenee finalizzate all’accessibilità e alla fruibilità”.

Riguardo agli aspetti fondamentali della riforma, ecco la semplificazione dei titoli di viaggio. Si passa da 24 in ambito urbano e 45 extraurbano a 10 tipi di biglietti e abbonamenti. I titoli ordinari nominativi saranno tramutati in impersonali, migliorando quindi la flessibilità di utilizzo e razionalizzando i costi di gestione, emissione e vendita da parte delle aziende. L’armonizzazione del sistema tariffario, oltre le tipologie e la validità dei titoli di viaggio, riguarda diversi altri ambiti: i profili dell’utente, le regole di utilizzo, i costi e le fasce chilometriche.

Novità per studenti e over 65. Altra novità della riforma è l’introduzione delle tariffe preferenziali per le categorie “studenti”, considerati tali sino a 35 anni, e per gli “over 65”, anche per i servizi ferroviari, coerentemente con la politica della Giunta volta a incentivare le fasce più deboli della popolazione all’uso del mezzo pubblico cittadino. Contestualmente, nell’emissione dei titoli, saranno aboliti i criteri della differenziazione basati sulle soglie Isee e saranno introdotti sconti, applicati a tutti, mediamente equivalenti a quelli determinati dall’indicatore della situazione economica. Il nuovo sistema è fortemente finalizzato a incentivare l’utilizzo del trasporto pubblico locale per tutti i 12 mesi. E, rispondendo alle sollecitazioni delle associazioni studentesche, di cui si è fatta interprete l’amministrazione del capoluogo, gli abbonamenti riservati a universitari e alunni avranno validità annuale.

Le nuove tipologie dei biglietti. Di seguito le dieci tipologie dei titoli di viaggio previste dal nuovo sistema tariffario: corsa semplice (a tempo 90 minuti urbana o a tratta extraurbana e integrata metro e bus per Cagliari e Sassari, a tempo da 120 minuti urbana); carnet da 12 corse semplici da 90 minuti (urbane) o a tratta (extraurbana); biglietto giornaliero con validità 24 ore; abbonamento settimanale impersonale; abbonamento mensile impersonale; abbonamento mensile studenti; abbonamento mensile over 65; abbonamento annuale impersonale; abbonamento annuale studenti; abbonamento annuale over 65.


[Comunicato Stampa]

Condividi

MaicolGarba

Sono appassionato di trasporti da sempre. Fondo Trasportinfo nel 2016 per parlare di trasporti e approfondire, informare su un argomento che ci riguarda ogni giorno.

maicoladmin has 1104 posts and counting.See all posts by maicoladmin