BikeMi: 1000 nuove biciclette. Ecco la nuova bici tradizionale e l’elettrica con presa USB

Chi utilizza il servizio di Bike sharing di Milano BikeMi e ha girato la città ad Agosto avrà forse notato l’introduzione delle nuove biciclette. Si tratta infatti di una massiccia operazione: 1000 nuove bici che sostituiranno quelle più usurate, vandalizzate e/o rubate.

I modelli interessati dalla sostituzione sono sia le biciclette standard sia quelle elettriche, chi fra i due ha portato maggiori novità è la nuova bicicletta standard. Vediamo quindi come sono fatte entrambe le biciclette analizzando novità, pregi e difetti.

NUOVA BICICLETTA TRADIZIONALE
nuova-bici-tradizionale-bikemi-panoramica-foto-trasportinfo
Nuova bici tradizionale BikeMi – Panoramica – Foto: © Trasportinfo

Ad una prima occhiata si può notare come il telaio sia praticamente identico alla versione elettrica, quindi maggiore sicurezza e robustezza in caso di furti o atti di vandalismo.

Fra le novità introdotte in questo modello vediamo:

  • Cestino più ampio (1)
  • Campanello integrato rotante (2)
  • Nuovo sistema di illuminazione anteriore e posteriore (3)
  • Nuova sella molleggiata (4)
  • Cavalletto più resistente (5)
  • Sistema di frenata rafforzato
  • Copertoni rinforzati (6)

Nel complesso la bicicletta è più robusta ma un po’ più pesante rispetto al modello in circolazione fino ad oggi. Questo può essere un difetto per chi era abituato alla maggior leggerezza della precedente versione ma un pregio per chi vuole “muoversi” di più negli spostamenti in città o chi non ha grandi pretese.

Alcune fra le caratteristiche introdotte come: il campanello integrato rotante, il cesto più ampio, la sella molleggiata e i freni rafforzati (tutte tramutate dalla versione elettrica) possono far gola a chi utilizza spesso la pedalata assistita e vuole ritrovare le stesse dotazioni anche nella versione standard. Sì può quindi definire la versione elettrica senza batteria.

NUOVA BICICLETTA ELETTRICA con presa USB

BikeMi ci fa sapere che saranno 200 le sostituzioni per questo modello e l’introduzione della presa USB è in fase sperimentale.

Nuova bici elettrica con presa USB - Panoramica - Foto: © Trasportinfo
Nuova bici elettrica con presa USB – Panoramica – Foto: © Trasportinfo

In questo nuovo lotto di biciclette non ci sono differenze rispetto al modello in circolazioni fino ad oggi tranne per l’introduzione della già citata presa USB.

Si tratta infatti di una “scatolina” con un ingresso nella quale possiamo inserire un cavo USB per ricaricare ad esempio il cellulare o il tablet durante la pedalata.

Fra le migliorie che Clear Channel, società che gestisce in esclusiva il servizio BikeMi per conto del Comune e di ATM, sta studiando per le prossime bici vediamo: la riduzione del peso, la possibilità di inserire degli ammortizzatori e l’inserimento dei freni a disco sulla ruota posteriore.

Questo ciclo di 1000 sostituzioni iniziato ad Agosto terminerà entro l’anno ma sono previste anche per l’anno prossimo centinaia di biciclette che prenderanno il posto delle più usurate.

E voi avete già provato le nuove bici in circolazione in questi mesi? Fateci sapere cosa ne pensate nei commenti qui sotto.


Si ringrazia Clear Channel per le informazioni fornitoci – In copertina: Nuova bicicletta tradizionale e nuova bicicletta elettrica di BikeMi – Foto: © Trasportinfo

Condividi

MaicolGarba

Sono appassionato di trasporti da sempre. Fondo Trasportinfo nel 2016 per parlare di trasporti e approfondire, informare su un argomento che ci riguarda ogni giorno.

maicoladmin has 973 posts and counting.See all posts by maicoladmin

  • the1nt3rn

    Trovo le nuove bici tradizionali davvero troppo pesanti! Mi trovo molto meglio con quelle vecchie.

  • sicher toni

    Le nuove bici sono pesantissime e la sella non si alza, il che per le persone alte risulta ancora più faticoso.
    Veramente una brutta scelta.

  • spazza tura

    troppo pesanti, alla rastrelliera se trovo una vecchia ok, altrimenti rinuncio….basterebbe ridurre tutta quella carrozzeria esagerata..

  • Vincenzo

    Immagino che chi ha portato queste nuove biciclette tradizionali non sia un ciclista. Il peso è davvero eccessivo – addirittura diventa difficoltoso lo sganciamento dalla rastrelliera – il sellino poi è troppo largo e ostacola nelle pedalata e non si alza a sufficienza; al punto da risultare troppo bassa per una persona di un metro e 80. In effetti un punto di forza riusciamo comunque a trovarlo: non le ruberanno mai in quanto sono praticamente inguidabili, dei veri cancelli con le ruote.

  • Francy Francesca

    le nuove biciclette sono eccesivamente pesanti (del resto la struttura era pensata per essere spinta da un motore elettrico). Chi ha preso questa decisione evidentemente non le ha mai provate seriamente, altrimenti si sarebbe reso conto che non sono utilizzabili se sei percorrono più di 100m. Si fa una fatica incredibile! Meglio andare a piedi se negli stalli c’è solo quella.
    Non pensavo di poter rimpiangere la “leggerezza” di quelle precedenti, che erano già belle pesanti!