BikeMi inaugura il Charging Centre per la ricarica delle biciclette elettriche

Un sistema di ricarica dedicato alle batterie delle bici elettriche attraverso pannelli fotovoltaici unico al mondo: il primo Charging Centre BikeMi è stato inaugurato oggi dal Comune di Milano e da Clear Channel.

Il centro, finanziato da ATM Milano, si trova in Via Privata Giovanni Calvino 6 (il numero civico è stato creato apposta per la stazione BikeMi), una strada laterale di Via Messina (altezza dei numeri 50/52) vicino al Cimitero Monumentale. Gli operatori del Bike sharing diventano così ‘vicini di casa’ della Polizia locale, condividendo lo stabile che in Via Messina 50 fa da Deposito Giudiziario per le autovetture.

La nuova sede BikeMi, oltre alla ricarica delle bici elettriche, ha anche altre funzioni nella gestione del servizio: i locali sono stati attrezzati per il ricovero, la riparazione e la pulizia delle bici, sia tradizionali sia elettriche. Inoltre, la Sala Operativa ospita gli uffici del Centro di Controllo e l’area esterna è destinata ad accogliere i furgoni BikeMi che permettono lo smistamento dei mezzi tra le stazioni. La vicinanza della nuova sede al centro città permetterà agli operatori di ridurre i tempi di spostamento a beneficio dell’efficienza del servizio.

“Sempre più sostenibile ed efficiente il bike sharing milanese – dichiara Marco Granelli assessore alla Mobilità e Ambiente del Comune di Milano –. Questo centro di ricarica a pannelli fotovoltaici rappresenta un’innovazione di cui siamo fieri. Un investimento che i milanesi meritano dopo che in un anno hanno percorso con le bici gialle o rosse del BikeMi più di 203 volte la circonferenza della Terra con un risparmio di oltre 1 milione e 600 mila chili di CO2. Grazie a Clear Channel e ATM per il loro impegno”.

L’innovazione è da sempre nelle corde di Clear Channel e l’aver scelto una denominazione inglese, ‘Charging Centre BikeMi’, per il nuovo Centro di Ricarica ha significato evidenziare l’aspetto innovativo dell’intero progetto – dichiara Paolo Dosi, Amministratore Delegato di Clear Channel Italia -. Noi desideriamo continuare a contribuire alla crescita di una cultura volta al rispetto e alla tutela dell’ambiente, quindi la scelta del fotovoltaico non è casuale. Il nuovo Charging Centre ne è la prova tangibile perché, oltre ad essere innovativo, non produce nessun tipo di inquinamento, neanche acustico. Siamo, pertanto, orgogliosi di distinguerci, con progetti come questi, anche in ambito ‘green’”.

Dosi ha infine dichiarato: “Avremmo voluto che fino ad oggi ATM avesse collaborato di più per integrare il servizio di Bike sharing con il trasporto pubblico, auspichiamo quindi che il prossimo consiglio amministrativo sia più collaborativo sotto questo aspetto”.

Sullo stabile del Charging Center è stato installato un impianto fotovoltaico costituito da tre generatori dotati di circa 90 pannelli ciascuno per un totale di 280 pannelli da 75 kWp (kilowatt per picco) con una potenza nominale per modulo di 260 Wp che sta per Watt di picco ed esprime la potenza massima erogata da un modulo in condizioni ottimali. Le celle sono in Silicio Policristallino e si sviluppano su una superficie di 420 mq coprendo tutto il tetto della nuova sede operativa BikeMi. La realizzazione dell’impianto è stata possibile grazie anche ad un contributo di 165.000 euro erogato da ATM.

Le batterie scariche delle e-bike in circolazione vengono portate dagli operatori BikeMi presso il nuovo Charging Centre e ricaricate attraverso l’energia prodotta dai pannelli fotovoltaici.

Tecnicamente questa operazione avviene tramite uno “scambio sul posto” o SSP, un meccanismo che permette ai produttori di energia da fonti rinnovabili, come il fotovoltaico, di utilizzare la rete nazionale come magazzino virtuale per l’energia prodotta e non immediatamente autoconsumata per riutilizzarla in un secondo momento. In questo modo le bici a pedalata assistita del Bike Sharing di Milano non vedono mai una spina di corrente.

Il Charging Centre si basa su un innovativo sistema che permette di ricaricare le batterie delle bici elettriche del Bike sharing a impatto zero per l’ambiente, attraverso l’energia solare, in una sorta di circolo virtuoso tra mobilità sostenibile ed energia rinnovabile.

La pulizia delle bici avviene in una stanza dedicata, l'”Area lavaggio”: qui le biciclette vengono infilate in una rastrelliera per poi essere lavate con una pompa da un operatore. L’acqua utilizzata per il lavaggio delle bici è totalmente riciclata, infatti è presente un sistema che cattura l’acqua di scarico dall’area lavaggio, la depura, la reimmette nelle cisterne e la rende disponibile per i successivi lavaggi eliminando così sprechi d’acqua.

Durante l’inaugurazione sono stati snocciolati alcuni dati sull’andamento di BikeMi, in particolare segnaliamo che al 2016:

  • le stazioni attive nel territorio milanese sono 280
  • sono presenti 3.650 biciclette tradizionali + 1.000 biciclette elettriche
  • 8.159.998 chilometri percorsi
  • 55.118 abbonati annuali

Per il 2017 invece sono previsti:

  • 350 stazioni attive
  • 4.150 biciclette tradizionali + 1.500 biciclette elettriche
  • 9.000.000 chilometri percorsi
  • 60.000 abbonati annuali

Mostriamo di seguito la tabella di BikeMi con i dati completi dal 2009 al 2017:

Tabella con i dati di crescita di BikeMi

Ecco altre immagini dell’inaugurazione del Charging Centre:


In copertina: Inaugurazione del Charging Centre BikeMi – da sinistra Paolo Dosi Amministratore Delegato Clear Channel, Marco Granelli Assessore alla Mobilità e all’Ambiente del Comune di Milano e Sergio Verrecchia Bike Sharing Director di Clear Channel – Foto: © Trasportinfo

Condividi

MaicolGarba

Sono appassionato di trasporti da sempre. Fondo Trasportinfo nel 2016 per parlare di trasporti e approfondire, informare su un argomento che ci riguarda ogni giorno.

maicoladmin has 1104 posts and counting.See all posts by maicoladmin