Trenord: entrano in servizio 18 guardie armate fra Bergamo e Brescia

Continua l’impegno della Regione per rendere sempre più sicuri i treni e le stazioni lombarde. “Da ieri – ha spiegato l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Alessandro Sorte e per tutto il 2017, 18 guardie armate presteranno servizio su tutte le tratte delle bergamasca ‘sconfinando’ anche in provincia di Brescia”.

I controlli saranno effettuati a Bergamo, Seriate, Albano sant’Alessandro, Montello-Gorlago, Chiuduno, grumello del Monte in provincia di Bergamo e Palazzolo sull’Oglio, Cologne, Coccaglio, Rovato, Ospitaletto-Travagliato e Brescia, in provincia di Brescia. Le guardie, che hanno superato un apposito corso fatto dalla Prefettura di Milano, si sposteranno su tutti e 66 i treni che quotidianamente corrono lungo queste tratte senza punti di riferimento così da scoraggiare eventuali malintenzionati.

AL VIA LA 2° FASE DI TRATTA SICURA – Parte dunque, tenuta a battesimo proprio dall’assessore Sorte, la seconda fase del progetto ‘Tratta Sicura’ dopo la più che positiva esperienza portava avanti fra Novembre e Dicembre sulla Milano-Bergamo e la Bergamo-Treviglio che aveva consentito di ‘pizzicare’ 12.000 persone salite sul treno senza biglietto.

IERI ALLONTANATE 250 PERSONE“Solo ieri – ha detto Sorte – giorno del lancio dell’iniziativa, sono state allontanate e fatte scendere dal treno 250 persone“.

NO SLOGAN, MA PROVVEDIMENTI CONCRETI E TRASVERSALI“Negli ultimi mesi – ha detto Sorte – diversi episodi ci hanno confermato che la tratta Bergamo-Brescia necessita di più sicurezza. Abbiamo dunque deciso di coinvolgere i sindaci della zona per dare un segnale concreto. Non vogliamo slogan, ma provvedimenti efficaci che incidano concretamente su chi usa il treno per andare a scuola o al lavoro”. Il servizio è stato testato dai sindaci Cristian Vezzoli (Seriate), Diego Gatti (Montello), Gianluigi Marcassoli (Gorlago), Stefano Locatelli (Chiuduno) e Nicoletta Noris (Grumello del Monte) che hanno accompagnato Sorte fra Bergamo e Grumello del Monte.

6 MILIONI PER FAR VIAGGIARE GRATUITAMENTE FORZE ORDINE E ARMATE – Sorte ha ricordato anche il provvedimento approvato dalla Giunta regionale, e finanziato con 6 milioni di Euro, che consente alle Forze dell’Ordine e Armate di viaggiare gratuitamente a patto che si presentino al capotreno prima di salire e diano la propria disponibilità ad intervenire in caso di necessità.

CHIESTO PRESIDIO DEI MILITARI – Secondo Sorte è necessario “sradicare il concetto che i treni e le stazioni sono terra di nessuno e posti dove ognuno può fare quello che vuole”. Per questo “abbiamo già chiesto anche un presidio militare a partire dalle città capoluogo e un maggior coordinamento con le Forze dell’Ordine che, comunque, ringrazio per il preziosissimo lavoro che quotidianamente svolgono”.

SERVIVA UN SEGNALE FORTE“Andava dato un segnale forte – ha concluso Sorte – e lo abbiamo dato con un provvedimento trasversale che fa bene ai pendolari e ai nostri cittadini“.


FONTEIn copertina: Parte la 2° fase di “Tratta sicura”, 18 guardie armate fra Bergamo e Brescia – Foto: Regione Lombardia

Condividi

MaicolGarba

Sono appassionato di trasporti da sempre. Fondo Trasportinfo nel 2016 per parlare di trasporti e approfondire, informare su un argomento che ci riguarda ogni giorno.

maicoladmin has 1104 posts and counting.See all posts by maicoladmin