Stadler Rail presenta il primo FLIRT bimodale per la Valle d’Aosta

Stadler ha presentato il primo FLIRT bimodale a Bussnang il 15 giugno scorso. Il treno è destinato per la Valle d’Aosta. Il veicolo ecologico è dotato di un’unità da 3 kV a corrente continua per le linee elettriche, e un motore diesel-elettrico per linee non elettrificate. Il suo basso carico sull’asse, fino un massimo di 18 tonnellate, è particolarmente impressionante.

La Valle d’Aosta ha ordinato cinque di questi veicoli FLIRT bimodali (BMU) nel maggio 2015. Questo veicolo è stato presentato a Bussnang e presso il vicino centro di messa a Erlen, dopo un periodo di sviluppo e di costruzione durato poco più di due anni. Il Dr Pierluigi Marquis, presidente del Consiglio regionale della Valle d’Aosta, e Peter Jenelten, Executive Vice President Marketing e Vendite di Stadler, hanno tagliato il nastro in segno di debutto del veicolo sulle rotaie.

Come tutti i veicoli FLIRT, il primo convoglio bimodale è stato costruito utilizzando un profilo di alluminio estruso, che lo rende leggero e basso consumo energetico. Il veicolo composto di tre parti dispone di un modulo di alimentazione accessibile, che ospita i due motori diesel Deutz V8 (Euro IIIB), il serbatoio, e le attrezzature aggiuntive. Il veicolo è lungo 66,8 metri, largo 2,82 metri e alto 4,12 metri. La sua velocità massima è di 160 km/h usando l’azionamento elettrico, 140 km/h con il motore diesel-elettrico.

Questo treno FLIRT per la Valle d’Aosta è una pietra miliare per la Stadler: è il primo FLIRT caratterizzato da un sistema di azionamento bimodale. Il suo basso carico sull’asse, massimo di 18 tonnellate, lo rende unico tra i treni regionali bimodali. Ciò significa che il veicolo è adatto anche per linee secondarie. Il FLIRT bimodale è ora in fase di prove di omologazione richiesti. Il primo veicolo sarà messo in esercizio commerciale sulla linea Aosta-Torino nel maggio 2018.

Il nuovo FLIRT bimodale è un veicolo che offre eccellenti prestazioni sia usandolo in versione elettrica sia in modalità diesel-elettrico. Grazie alla sua versatilità, il fatto che sia particolarmente ecologico, e il suo basso carico sull’asse, va a soddisfare i requisiti stabiliti dagli operatori manutentivi ferroviari sia delle linee principali e sia delle linee secondarie in modo efficiente, sostenibile e affidabile.


In copertina: Primo Stadler-Rail FLIRT bimodale per la Valle d’Aosta – Foto: Stadler-Rail

Condividi

MaicolGarba

Sono appassionato di trasporti da sempre. Fondo Trasportinfo nel 2016 per parlare di trasporti e approfondire, informare su un argomento che ci riguarda ogni giorno.

maicoladmin has 1104 posts and counting.See all posts by maicoladmin