Trasporto Rapido Costiero: stanziati 10,4 milioni per 9 Van Hool Exqui.City

Via libera del Cipe a 10,454 milioni di euro per l’acquisto di 9 veicoli nuovi destinati alla prima tratta Rimini-Riccione del TRC, il Trasporto rapido costiero che collegherà Rimini e Cattolica, con 15 fermate intermedie.

“Si tratta di un’opera bloccata da decenni che sarà finita e consegnata ai cittadini nel 2019”, ha sottolineato il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini. “Quando ci siamo insediati avevamo promesso che dopo anni di discussioni questo sarebbe stato il ‘mandato del fare’ e così sta accadendo. Investire su un sistema di trasporto pubblico efficace, veloce e affidabile significa creare una reale opportunità di sviluppo per il territorio e scommettere sul turismo per la Romagna, assicurando al contempo una migliore sulla qualità della vita per chi ci vive. Questo ultimo progetto si affianca e rafforza quelli già avviati, nel segno di uno sviluppo a 360°“.

“Siamo arrivati alla fase conclusiva di un’opera prioritaria che permetterà di collegare due hub turistici di grande importanza come Rimini e Riccione in soli 23 minuti, ha spiegato l’assessore regionale a Mobilità e trasporti, Raffaele Donini. “Questo investimento si aggiunge al progetto di velocizzazione della linea ferroviaria Bologna-Rimini (che nel 2018 farà scendere il tempo di percorrenza sotto i 45 minuti) e ai numerosi investimenti messi in campo per la messa in sicurezza e l’ampliamento delle grandi arterie stradali di collegamento alla Romagna: dai fondi Fsc per la decongestione del traffico sulla Statale 16 ai bandi per gli interventi sulla mobilità ciclabile”.

I mezzi

La fornitura di 9 mezzi è prevista dal contratto stipulato con la A.T.I. formata dalla Vossloh Kiepe (mandataria) e la Van Hool (mandante).

Il mezzo scelto è l’Exqui.City 18 T, evoluzione di un veicolo in produzione già da alcuni anni e in esercizio in diverse realtà europee (Barcellona, Ginevra, Metz, Linz, Malmoe). È a trazione interamente elettrica (full-electric) e quindi a emissioni zero anche dal punto di vista acustico.

L’autonomia garantita in assenza di alimentazione da linea di contatto (circa 15 km) garantisce tutti gli spostamenti fuori esercizio e in caso di mancanza di tensione in linea in una singola tratta del percorso, potendo procedere con il ciclo di ricarica nelle due tratte adiacenti.

Prevede la possibilità di una doppia postazione per l’alloggiamento di carrozzine per utenti diversamente abili, anticipando le nuove norme comunitarie sul tema, e può trasportare fino a 150 passeggeri con 37 posti a sedere.

Inoltre, accogliendo le richieste delle Amministrazioni nell’ottica di favorire l’intermodalità e incentivare la mobilità ciclabile, il fornitore ha sviluppato soluzioni tecniche per permettere l’accesso con bicicletta al seguito, prevedendo sul veicolo spazi liberi per le due ruote.

L’azienda Van Hool ha eseguito numerose forniture di veicoli a trazione elettrica nel mercato dell’Europa Occidentale (circa 500 veicoli negli ultimi 10 anni) di cui circa 100 sul territorio italiano in diverse realtà tra cui Milano, Genova e Cagliari.

Il TRC

Il Trc (Trasporto rapido costiero) è un sistema di trasporto collettivo che correrà fra Rimini e Riccione lungo una corsia propria (larga dai 4,20 ai 7,30 metri). La tratta Rimini FS – Riccione FS è il primo stralcio di un sistema più complesso che arriverà fino alla Fiera (secondo stralcio) e in prospettiva fino a Santarcangelo mentre a Sud il terzo stralcio arriverà fino a Cattolica.

Il tempo di percorrenza tra le stazioni ferroviarie di Rimini e di Riccionesarà di 23 minuti, con 15 fermate intermedie. Il percorso si snoda a fianco del tracciato ferroviario per una lunghezza di 9,8 km e consente tempi di percorrenza certi, non soggetti alle variabilità determinate dal traffico stradale. La frequenza prevista di 7,5 minuti nell’ora di punta consente di trovare un mezzo in media sotto i 4 minuti. Negli altri orari la frequenza sarà comunque di un mezzo ogni 10 minuti. La capacità del sistema sarà di 1.500 passeggeri all’ora per direzione di marcia.

La sicurezza dell’esercizio è garantita da un posto centrale di controllo che supervisiona da remoto posizione e percorso di ogni singolo mezzo. Le fermate saranno illuminate e dotate di sistemi di videosorveglianza, presente anche a bordo per garantire la sicurezza degli utenti.

Completano i sistemi di ausilio all’esercizio gli impianti di fermata:
– sistema audio/video attraverso pannelli a messaggio variabile per le informazioni all’utenza;
– il sistema di diffusione e comunicazione audio;
– le colonnine di emergenza per le chiamate al centro di controllo;
– il sistema di wi-fi gratuito a disposizione per l’utenza.

La struttura delle fermate e la tecnologia adottata assicurano la massima facilità di accesso da parte di tutti anche a soggetti diversamente abili, famiglie con passeggini, viaggiatori con valigie, utenti con biciclette al seguito.

I lavori

I lavori di realizzazione dell’infrastruttura Trc sono stati consegnati nel luglio 2012. Il loro termine è previsto per la fine del 2017 e sono condotti da una A.T.I. composta da Italiana Costruzioni S.p.A. per la parte civile e Alpiq S.p.A. per la parte degli impianti di trazione. 

Oltre al tracciato, realizzato esclusivamente in sede propria protetta, i lavori hanno riguardato la realizzazione di quattro nuovi sottopassi carrabili in sostituzione dei passaggi a livello, la realizzazione di tre nuovi sottopassi ciclo-pedonali, la ristrutturazione e il prolungamento di nove sottopassi ciclo-pedonali. Le opere poi hanno interessato nove sottovia per lo scavalcamento delle direttrici viarie trasversali alla via di corsa, due ponti per l’attraversamento di corsi d’acqua e sette ponticelli scatolari per lo scavalcamento di piccoli torrenti e fossi consortili.

Lungo il tracciato sono presenti quattro rotatorie, di cui due alle estremità dei capolinea di Rimini FS e di Riccione FS per l’inversione della marcia al termine delle singole corse e due intermedie (Chiabrera e Cavalieri di Vittorio Veneto) che dividono il percorso in tre tratti omogenei per l’eventuale effettuazione di corse parziali e per l’entrata/uscita dei mezzi.

A completamento dei lavori sul tracciato, nel 2018 saranno finalizzati i lavori relativi alla predisposizione delle fermate e delle opere complementari, e avviati i test sui mezzi.

Il quadro economico

Il progetto è stato approvato dal Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (Cipe) con delibera n.93 del 29.03.2006 per un quadro economico complessivo di 92,053 milioni di euro.

È stato finanziato per il 60% dall’amministrazione statale e per il restante 40% dagli Enti locali sottoscrittori dell’Accordo di Programma per la realizzazione dell’opera (Regione Emilia-Romagna, Provincia di Rimini, Comune di Rimini e di Riccione e Patrimonio Mobilità Provincia di Rimini).


In copertina: Van Hool Exqui.City di TEP Parma, lo stesso modello che arriverà per il TRC – Foto: Van Hool

Condividi

MaicolGarba

Sono appassionato di trasporti da sempre.
Fondo Trasportinfo nel 2016 per parlare di trasporti e approfondire, informare su un argomento che ci riguarda ogni giorno.

maicoladmin has 981 posts and counting.See all posts by maicoladmin