CTM Cagliari: altri 25 controllori diventano Agenti di Polizia Amministrativa

CTM Cagliari raddoppia la propria squadra di controllori con qualifica di Agente di Polizia Amministrativa che passano dai 25 introdotti a gennaio 2017 a 50 con la squadra appena introdotta.

Questi 25 nuovi controllori hanno effettuato il giuramento nella Sala Sabauda del Palazzo Civico di via Roma davanti alla Vicesindaca e Assessora dei Trasporti del Comune di Cagliari, Luisanna Marras ed hanno acquisito la qualifica di Agenti di Polizia Amministrativa.

La squadra completa di 50 Agenti di polizia amministrativa di CTM sarà addetta al controllo dei titoli di viaggio a bordo dei mezzi aziendali. I dipendenti, affiancati da personale specializzato, sono stati impegnati nei mesi scorsi in un corso di formazione teorico e pratico ed hanno superato l’esame richiesto dalla Legge Regionale n. 17 del 3 Luglio 2015 sulla validazione obbligatoria.

I POTERI

I verificatori CTM, con la nuova qualifica di agenti di polizia amministrativa, potranno, ai fini del sanzionamento:

  1. Chiedere l’esibizione del titolo di viaggio
  2. Chiedere le generalità e l’esibizione di un documento di identità
  3. Chiedere l’intervento delle Forze dell’Ordine
  4. Assumere informazioni e procedere a ispezioni di cose dell’evasore (per esempio possono richiedere di vedere il diario o un quaderno della scuola)
  5. Procedere a rilievi segnaletici e fotografici
  6. Procedere ad ogni altra operazione tecnica (tipo verifica congruenza di dati, ad esempio data di nascita verificata attraverso il codice fiscale, altri tesserini o tessera sanitaria)
  7. Procedere al sequestro del titolo contraffatto o alterato
  8. Sanzionare coloro che sporcano e/o danneggiano i mezzi e le strutture.

I verificatori CTM saranno riconoscibili oltre che dalla divisa anche da un tesserino identificativo riportante la fotografia e la matricola regionale di Agente di Polizia Amministrativa e dal distintivo sulla giacca.

Rifiutarsi di fornire le proprie generalità o dare false generalità ai verificatori o attribuire a sé o ad altri un nome falso costituisce reato. Infatti chiunque si rifiuti di fornire il proprio nominativo, data e luogo di nascita e residenza, va incontro al reato di rifiuto di generalità (art. 651 del codice penale). Chiunque fornisca un nominativo che non è il proprio con l’idea di eludere la sanzione amministrativa va incontro al reato di sostituzione di persona (art. 494 del Codice penale) e di false generalità (art. 496 del Codice penale).

Il Presidente di CTM, Roberto Murru, ha dichiarato:

“Nei prossimi giorni lanceremo una nuova campagna di comunicazione, anche attraverso i social network di CTM, per sostenere il pagamento del biglietto e contrastare l’evasione tariffaria. È un tema importante per garantire sia la buona gestione dell’Azienda che il doveroso rispetto per chi paga regolarmente. D’altra parte nella ricerca del miglioramento continuo del servizio teniamo in grande considerazione le opinioni dei nostri clienti e l’aumento dei controlli a bordo è una richiesta ricorrente”.


In copertina: Altri 25 verificatori di CTM giurano al Comune diventando Agenti di Polizia Amministrativa – Foto: CTM Cagliari

Condividi

MaicolGarba

Sono appassionato di trasporti da sempre. Fondo Trasportinfo nel 2016 per parlare di trasporti e approfondire, informare su un argomento che ci riguarda ogni giorno.

maicoladmin has 1059 posts and counting.See all posts by maicoladmin